Eccomi qui a raccontarvi come mi sono organizzata per il borsone del nostro bebè in arrivo.

Il borsone occorrerebbe averlo pronto un po’ prima, in caso di nascita prematura, ma noi siamo già alla conclusione dell’ottavo mese e avendo già un piccolo duenne è tutto un po’ più complicato e a rallentatore soprattutto adesso che il pancione si fa più pesante.

Ho scelto Tuc Tuc con cui mi sono già trovata molto bene in passato, ma questa volta è più colorato e in un tessuto lavabile, visto che andiamo incontro alla primavera.

Informatevi sempre nella struttura in cui partorirete, così sarete sicure di non dimenticare nulla.

Come nel caso della mia valigia per il parto, ho imbustato ed etichettato tutto per giorni di degenza, considerandoli sempre tre (speriamo siano solo questi), a loro volta poi li ho inseriti in una bustina di tessuto (come vedete dalla foto sotto) così, li ho suddivisi in:

  

Abbigliamento bebè

  • Camicina della fortuna (utilizzerò quelle di Samu, ma chiaramente quella del primo giorno è un regalo)
  • Body (i più pratici sono quelli abbottonati davanti invece di quelli che s’infilano dalla testolina)
  • Tutina intera o a due pezzi (per me i due pezzi sono più pratici quando sono appena nati, in ogni caso se scegliete qualcosa d’intero, verificate sempre che abbiano i bottoncini laterali per un cambio più agevole)
  • Cappellino
  • Calzini
  • Fascetta ombelicale (in alcuni ospedali non le richiedono, nel mio si)
  • Pannolini
  • Bavaglini

 

Cullina

  • Coperta di lana/ciniglia/cotone in base alla stagione (la copertina che vedete qui è stata realizzata interamente a mano da I Fiori di Simona, lei è una siciliana trasferita in Sardegna che realizza tantissime cose super carine, correte a dare uno sguardo)
  • Lenzuolino sotto e sopra

 

Bagnetto

  • Accappatoio per neonato
  • Quadrato di lino/cotone
  • Telo in mussola
  • Spugna naturale
  • Detergente (vi consiglio di portare i campioncini)

Ho aggiunto inoltre:

  • Ciuccio
  • Porta ciuccio
  • Catenella ciuccio
  • 1 biberon piccolo in vetro
  • Crema cambio pannolino e Vea Olio
  • Salviette delicate 
  • Quadrotti in morbido cotone

  

Naturalmente è stato tutto accuratamente lavato senza detersivi aggressivi che possono irritare il bebè; il biberon e il ciuccio li sterilizzerò a breve.

 

Lasciate a casa, anche in questo caso, un paio di cambi già in ordine, sia indumenti sia il necessario per cullina, in modo che vostro marito o la vostra mamma possono recuperarli in breve tempo senza dover portarvi in ospedale troppe cose.

Vi saranno comunque utili una volta rientrati a casa: i primissimi giorni dopo il parto sono sempre un momento di confusione. Fatevi aiutare se possibile, anche solo con pranzo e cena pronti potrebbe essere una grande cosa!

 

Non dimenticate inoltre di pensare al lenzuolino che utilizzerete nella cullina che avete scelto per il rientro a casa e una copertina per l’uscita dall’ospedale, considerando sempre la stagione in cui partorirete.

Ricordatevi che la sicurezza in auto è la cosa più importante, non trasportate mai il bebè in braccio, nemmeno per brevi tragitti, noi utilizzeremo la cullina del trio di Samuele con l’apposito kit per l’auto (che avevamo già comprato anni fa), ma ci sono ovetti omologati già dalla nascita.

 

Spero di esservi stata utile e soprattutto di non aver dimenticato nulla.

A presto

 

Alessandra

**************************************************************************************************************

Seguimi anche sulla pagina Facebook e su Instagram


SEGUIMI SU
INSTAGRAM
Alessandra Partescano - ilbellodiesseremamma.it - Tutti i diritti riservati 2015