Samuele ha già capito che qualcosa sta per cambiare nella nostra famiglia.

Sono stati mesi di cambiament non semplici anche per lui, indubbiamente ha percepito i miei malesseri iniziali.

 

Prima dell’arrivo di questo fagiolino, gli chiedevo “ma tu lo vorresti un fratellino/sorellina?”, lui non era per niente interessato alla mia domanda.

Riflettendo in effetti, è ancora piccolo (solo due anni e due mesi).

 

I mesi (s)corrono e qui il pancino cresce (direi ogni giorno di più) ed ora è ben visibile anche a lui.

Quando (a volte) vuole stare in braccio, gli dico “ti ricordi che la mamma è stanca ed ha il pancino?” ma lui, giustamente, nei momenti di stanchezza vuole solo me e non gli importa nient’altro.

 

Così cerco di farlo interagire con almeno un paio di bacini al giorno.

A lui piace parecchio, proprio qualche giorno fa spontaneamente, eravamo a Messa e lui voleva fare le carezze al pancino, solo che voleva alzarmi la maglietta, perché a casa è abituato a farlo cosi.

Trovo che sia un’attenzione bellissima questo suo voler fare le coccole al pancino, perché avviene in maniera spontanea, chiaramente io cerco di stimolarlo in tal senso e spero che potrà presto sentire i calcetti per rendersi conto davvero che c’è suo/a fratello/sorella qui dentro!

Adesso oltre a bacini, carezze ed abbracci, continua a ripetere “è piccolo”, anche lui si definisce tale quindi mi sa che non ha esattamente percezione di cosa significa.

Più avanti lo coinvolgeremo anche nella scelta del nome, ma abbiamo ancora tempo.

 

Sono la seconda di tre figli, quindi so bene cosa vuol dire divedere l’affetto dei propri genitori, ovviamente quando ero piccola ne risentivo, ma soprattutto perché loro erano due maschi “contro” di me, crescendo (per fortuna) apprezzi la bellezza di avere dei fratelli

In ogni caso cerco sempre di ritagliare dei momenti mamma/figlio in cui ci riempiamo di coccole o facciamo qualcosa che lui adora fare, tipo il bagnetto con tanti schizzi fuori (con mia immensa gioia) o guardare Topolino accucciati sul divano!

Io spero che questa dolcezza aumenti con i mesi che passano e non svanisca quando il bebè uscirà dalla pancia, noi ce la metteremo tutta per alimentare questo amore fraterno.

 

Un ringraziamento particolare alla mia amica Sara di Oltre che mamma per questi spunti di riflessione sull'argomento, che trovate nel suo video qui sotto.

 

 

E voi mamme bis, come avete fatto a sbrogliare questa complessa situazione???

Raccontatemi.

 

**************************************************************************************************************

Seguimi anche sul mio profilo Instagram e sulla pagina Facebook


SEGUIMI SU
INSTAGRAM
Alessandra Partescano - ilbellodiesseremamma.it - Tutti i diritti riservati 2015