Da fine Aprile ogni sabato mattina lo abbiamo dedicato a cinquanta minuti in piscina con Samu.

 

Le due istruttrici del Centro Sportivo "I pantanelli" Dorothy e Daria ci hanno spiegato quali sono le posizioni utili per favorire i movimenti di braccia e gambe, il bimbo deve essere sempre invogliato dal genitore a muoversi con movimenti lenti ed ondulatori o aiutato con oggetti (solitamente quelli che si usano per il bagnetto, dei giochini colorati o delle palle) non troppo vicini in modo da raggiungerli, o semplicemente mettendosi di fronte a lui con le braccia distese.

 

Un'altra cosa molto importante è che il genitore una volta entrato in vasca sia a suo agio, infatti, io non avendo un ottimo rapporto con l'acqua sono timorosa, Samu si è divertito molto di più quando si è tuffato il Papà!!!

 

Nota positiva: finito bagnetto in piscina, fatta doccina e merenda (frutta o latte) crolla per un bel pisolino.

 

E' un'esperienza bellissima, lui si è divertito molto, del resto adora fare il bagnetto ogni sera.

 

Adesso faremo la prova al mare, non è detto che il bimbo abituato in piscina si trovi bene perché sono due ambienti molto diversi.

Incrociamo le dita.

 

N.B.: sono andata in piscina anche con il pancione ed è un'attività che fa molto bene sia alla futura mamma sia al neonato in pancia :)

 

Allego un video di Coccole Sonore che spiega bene questa esperienza.

 

Ph. AP

 

 

 

 Seguimi anche su instagram facebook twitter 


SEGUIMI SU
INSTAGRAM
Alessandra Partescano - ilbellodiesseremamma.it - Tutti i diritti riservati 2015